Telegram dovrà  cedere le chiavi di cifratura alle autorità russe

L’app di messaggistica, che ha sempre fatto vanto della sicurezza dei suoi codici di crittografia, ha 15 giorni di tempo fornire ai servizi di sicurezza russi (al Federal Security Service) i dati necessari per decriptare i messaggi di tutti i suoi utenti — altrimenti rischierà il blocco su tutto il territorio russo. Telegram, infatti, ha perso un’importante sentenza d’appello presso la Corte Suprema russa, ponendo in seria discussione l’effettiva riservatezza della piattaforma dei fratelli Nikolai e Pavel Durov – che conta oltre 100 milioni di utenti – la quale ora potrà essere soggetta a controlli molto più efficaci da parte delle autorità russe, qualora queste lo ritengano necessario.

 
Share This