Tag Archives: app

Non trovi parcheggio? Presto te lo suggerirà  Google Maps!

Tantissimi di noi per ogni spostamento, piccolo o lungo che sia, si affidano a Google Maps per verificare lo stato del traffico o per valutare il percorso migliore. Non è così? Google lo sa benissimo e, per aumentare il nostro grado di soddisfazione, sta per introdurre una nuova strepitosa funzionalità: ci suggerirà dove parcheggiare la macchina. Secondo molti siti specializzati americani, alcuni utenti stanno ricevendo avvisi sui parcheggi in prossimità della loro destinazione. Aprendo l’app di Google Maps e impostato un tragitto, prima di raggiungere la destinazione, sul menù in basso apparirà un avviso che offre la possibilità di aggiungere una fermata al percorso per le posizioni di parcheggio consigliate. Come la maggior parte delle notifiche di Maps, se non si interviene entro pochi secondi, la notifica sparirà. Per ora questa funzione è disponibile per un numero limitato di utenti e non è possibile attivarla manualmente. Sembra però, che sarà presto disponibile per tutti una volta che il servizio sarà più completo, quindi, non sorprenderti di trovare la funzione la prossima volta che pianifichi un corso di navigazione!

 

Share This

È ufficiale, Google Pay è disponibile in Italia!

Proprio così, finalmente Google Pay è sbarcato in Italia. Questo nuovo sistema di pagamento è, infatti, disponibile e scaricabile gratuitamente dal Play Store. Ma come funziona? Grazie Google Play, potrai effettuare i tuoi pagamenti sia nei negozi che online, in modo facile e veloce senza trascurare la sicurezza dei dati. Ti basterà avvicinare il tuo smartphone dotato di NFC ad un POS, per poter effettuare il pagamento tramite il sistema contactless. Per il momento, il servizio è disponibile solo per alcune banche e le carte supportate sono ancora poche ma aumenteranno sicuramente più avanti (comprendendo anche Poste Italiane e Carta BCC). Un esempio di negozi/e-commerce che supportano Google Pay? McDonald’s, Leroy Merlin, H&M, Ryanair, Booking.com, Deliveroo, FlixBus, Vueling e tantissimi altri. Una volta installata l’app, basterà configurarla, inserire i dati della carta che si vuole associare ed il gioco è fatto!

Scarica l’app

Share This

L’app Windows 10 ‘Your Phone’ porta foto e messaggi di testo da Android al PC

Ora che Windows 10 Mobile è praticamente morto, Microsoft ha cambiato strategia, concentrandosi maggiormente sulla realizzazione di app compatibili sia con iPhone e device Android, sia con PC desktop. La società, ad inizio 2018, ha infatti annunciato l’app “Your Phone” per Windows 10, che prometteva di inviare notifiche e messaggi da un dispositivo Android a PC. Questa funzionalità è finalmente disponibile nella build di Windows 10 Insider. Una volta aperto il programma, ti verrà chiesto di installare “Microsoft Apps” sul tuo dispositivo Android, così che, quando il tuo PC e telefono saranno connessi con lo stesso account Microsoft e accetti alcune autorizzazioni su Android, il tutto dovrebbe iniziare a funzionare. Grazie all’app, foto e messaggi saranno automaticamente sincronizzati sul tuo PC, con tanto di notifica dell’avvenuta ricezione sia sullo smartphone che sul computer. Al momento l’app non è disponibile su Google Play Store: si dovrà, pertanto, associare il device Android al PC, in modo tale il sistema possa inviare allo smartphone un link per scaricare l’app.

“Your Phone” è disponibile su Microsoft Store  a questo indirizzo e può essere già installato sui dispositivi Windows 10, dopo di che si dovrà inserire il proprio numero di telefono al quale verrà mandato in link da cui eseguire il download dell’app sullo smartphone.
In pochissimi passaggi, sarà tutto sincronizzato!

Share This

Trova il tuo sosia con Google Art Selfie tra migliaia di famose opere d’arte

Quale opera d’arte ti somiglia di più? Da oggi potrai scoprirlo grazie a Google Art Selfie. Per festeggiare i suoi 20 anni Google, finalmente, ha lanciato sul mercato europeo quest’app disponibile, fino ad oggi, solo sul mercato statunitense (dove ha avuto grande successo con oltre 78 milioni di selfie scattati ). Google Art Selfie ha lo scopo di abbinare la foto del tuo viso a migliaia di opere d’arte online ed i risultati sono spesso veritieri mentre, alcune volte, davvero esilaranti. Al momento, nel database dell’app ci sono opere artistiche provenienti da oltre 1.500 musei e 70 paesi, per un totale di oltre 6 milioni di documenti artistici. Ma come funziona? Niente di più semplice: scarica l’app e vai alla sezione “Art Selfie”, scattati un selfie e in pochi secondi vedrai apparire i tuoi risultati insieme alla percentuale per stimare la somiglianza visiva. Con questo strumento, big G vuole rendere l’arte più accessibile a tutti, infatti, una volta trovato il proprio “sosia” si potrà cliccare sull’immagine e ricevere informazioni e approfondimenti. Non solo gioco e divertimento, quindi, ma anche un’occasione per imparare!

Share This

App Gmail: ora puoi disattivare la visualizzazione della conversazione

Ci siamo passati tutti. Stai cercando un messaggio importante nell’app Gmail e, una volta trovato, devi scartabellare l’intera conversazione per trovare l’unica e-mail che conteneva quell’informazione importante. Google ha, così, offerto l’opzione di disattivare la sua “visualizzazione conversazione” nella versione completa web di Gmail e, a partire da oggi, sarai in grado di disattivarla anche nelle versioni per dispositivi mobili dell’applicazione su iOS e Android. Big G afferma che, se hai già attivato l’opzione sulla versione desktop dell’app, l’impostazione dovrebbe essere visualizzata anche nell’app Gmail. Quando l’opzione in questione è stata lanciata come predefinita e unica, alcune persone non hanno gradito e Google ha così consentito rapidamente agli utenti di disattivarla. Quindi se vuoi che Gmail ti mostri semplicemente tutte le email non appena arrivano, senza raggrupparle per “renderle più facili da digerire e seguire”, sei libero di farlo!

 

 

Share This

L’anello fitness di Motiv finalmente supporta Android

Per chi non lo conoscesse, l’anello Motiv misura passi, sonno, riposo, battito cardiaco attivo e si sincronizza con lo smartphone tramite Bluetooth.

Per farlo funzionare, però, vi è bisogno della relativa app che, dopo una versione beta rilasciata da aprile, è ora disponibile anche per gli utenti Android (con tutte le funzionalità che erano già presenti al momento del lancio nella versione iOS).

Questo minuscolo fitness tracker, inoltre, funziona con l’assistente vocale Alexa di Amazon e può condividere i dati raccolti con i tuoi amici e familiari. L’app completa supporta ora anche Google Fit, offrendo un modo per confrontare i dati di Motiv con le informazioni raccolte con altre app e dispositivi. Ci piacerebbe poter dire che l’app ti permetterà di associare l’anello con qualsiasi dispositivo Android, ma purtroppo non è così. Motiv, al momento, supporta 12 smartphone: Samsung Galaxy S7, S7 Edge, S8, S8 +, S9, S9 +, Nota 5 e Nota 8, Google Pixel e Pixel XL, Pixel 2 e Pixel 2 XL. La lista, però, è destinata a crescere.

 

Share This

Truffa Fortnite: a rischio gli utenti Android

Nonostante Epic Games abbia annunciato che Fortnite per Android non sarà disponibile fino a fine anno, ciò non ha impedito agli hacker di sfruttare gli utenti di smartphone Android. Infatti, se si digita su Google o YouTube “come installare Fortnite su Android”, la ricerca produrrà tutta una serie di video che mostrano come poter installare l’app. Peccato, però, che sia una truffa: seguendo tale procedimento, verrà infatti scaricata un’app falsa, anche se molto simile all’originale, che nasconde in realtà un malware. Così facendo, gli utenti metteranno a rischio la propria sicurezza: i malware infatti, ruberanno credenziali ed informazioni personali (nonché bancarie). Prestate, quindi, tanta attenzione alle app fake!

Share This

Apple sta ricostruendo Maps da zero

Apple Maps, dopo il fisco iniziale nel 2012, ha fatto indubbiamente molta strada ma è ancora distante anni luce da Google Maps, e la stessa Apple ne è ben cosciente. In una intervista a TechCrunch, Eddy Cue (Senior Vice President della divisione Internet Software and Services di Apple) ha così rivelato i propri piani per rinnovare le mappe utilizzando i dati che hanno a disposizione. Da anni a San Francisco, infatti, si possono incontrare dei furgoni di Apple Maps (così come dei droni) che stanno contribuendo alla creazione delle nuove mappe utilizzando GPS “rinforzati”, LiDAR, matrici di telecamere e uno strumento di misurazione fisico per generare una mappa 3D in grado di categorizzare oggetti come cartelli stradali ed edifici. Tuttavia, Apple sta anche generando informazioni tramite gli iPhone che ognuno di noi ha in tasca per fornire rappresentazioni del traffico stradale e pedonale. Apple promette che questi metodi non interferiranno con la privacy e (nel caso te lo stia chiedendo) no, questo succhierà la tua batteria. Maps sarà inizialmente disponibile solo nella Bay Area di San Francisco ma non c’è dubbio che Apple prevedeva una copertura molto più ampia.

Share This

Gmail per Android ora ti consente di personalizzare le azioni di scorrimento

Google, nelle ultime settimane, ha rilasciato diversi aggiornamenti per Gmail e, finalmente, è arrivato anche il turno dell’aggiornamento Android. L’aggiornamento alla v8.5.20, infatti, aggiunge un trucco pratico che pensiamo che molti di voi apprezzeranno: vi è la possibilità di personalizzare le azioni di swipe di una mail verso destra o sinistra. In precedenza, se si faceva swipe ad una mail in entrata, questa veniva archiviata, a prescindere dalla direzione verso la quale la si faceva scorrere. Adesso però, potendo impostare la gestualità di scorrimento, puoi davvero decidere che fine far fare alle tue email ed aiutarti nella loro organizzazione. Nella v8.5.20 di Gmail sarà necessario andare su Impostazioni -> Impostazioni generali -> Azioni di scorrimento e personalizzare l’azione per lo swipe sinistro e destro per archiviare, eliminare, contrassegnare come letto o non letto, spostare o posticipare un’email. Sfortunatamente, l’opzione di personalizzazione non è ancora disponibile su iOS, ma è probabile che arriverà abbastanza presto.

Share This

La spesa per le app raggiungerà 106,4 miliardi di dollari entro la fine del 2018

Secondo un nuovo rapporto di App Annie la spesa dei consumatori negli app store globali, entro la fine del 2018, ammonterà a circa 106,4 miliardi di dollari mentre raggiungerà i 156,5 miliardi di dollari entro il 2022. Il dato del 2018, come vi avevamo già accennato in un precedente articolo, è però in calo rispetto ai 110 miliardi di dollari che l’azienda aveva stimato qualche mese fa. Gran parte della crescita continua provenire dall’Asia, dove la Cina mantiene la sua posizione di leader mondiale nel mercato delle app, rappresentando il 40% della spesa mondiale.

Il rapporto ha anche rilevato che la spesa per dispositivo da parte dei consumatori registrerà un aumento del 23%: da $ 20,94 nel 2017 a $ 25,65 nel 2022; i download di app invece aumenteranno del 45% nel 2022, raggiungendo 258,2 miliardi.

 

L’aumento dei download nel 2022 dipenderà per lo più dall’India, Indonesia e Vietnam, oltre che dalle aree rurali della Cina. Nel frattempo, i mercati più stabili e maturi come gli Stati Uniti ed il Giappone avranno dei trend stabili: secondo il report, infatti, i download rimarranno alti, con una media di 21 nuove app scaricate all’anno per dispositivo negli Stati Uniti e 15 in Giappone.

I giochi continueranno a farla da padrone, rimanendo la principale fonte di spesa dei consumatori, ma anche le altre tipologie di app guadagneranno terreno: dal 2017 al 2022, infatti la spesa per questo tipo di app aumenterà di 75 miliardi di dollari. Secondo App Annie, questa crescita sarà dovuta all’aumento del fatturato della app di appuntamenti e di streaming musica/video.

Il rapporto completo è disponibile sul sito Web di App Annie.

Share This